mercoledì 30 aprile 2008

ALLA FACCIA DELLA PRIVACY!

Da oggi tutti potranno vedere le dichiarazioni dei redditi del vicino di casa. L'Agenzia delle Entrate ha messo sul suo sito le dichiarazioni dei redditi 2005 di tutti i contribuenti italiani. Per scoprire quanto hanno guadagnato vip o amici basterà andare sulla home page del sito dell'Agenzia e cercare nella sezione uffici il nome e cognome della persona di cui interessa conoscere il reddito imponibile e, ovviamente, le imposte pagate.

La pubblicazione dei dati sul web,
una novità assoluta poiché fino a oggi per poter consultare i redditi bisognava recarsi in Comune, ha spaccato centrosinistra e centrodestra e ha sollevato non poche polemiche da parte delle associazioni dei consumatori. Il Garante della Privacy è intervenuto dichiarando che fino a oggi "non era stata sottoposta la questione" e che attualmente è all lavoro per verificare eventuali incompatibilità tra la protezione dei dati personali e la pubblicazione di dati di interesse pubblico

"
E' una palese violazione della legge sulla privacy, la 196/2003, e un pericolo per l'aumento della criminalità e della violenza, dato che sono stati pubblicati dati sensibili sui redditi, ghiotta fonte d'informazione per i criminali - commenta Carlo Pileri, presidente dell'Adoc - e stiamo ricevendo migliaia di telefonate da parte di cittadini preoccupati e impauriti sulle possibile conseguenze di questa iniziativa, da noi prontamente verificata. Abbiamo inviato una lettera al Garante per la protezione dei dati personali, chiedendo l'attivazione di una procedura d'urgenza per inibire la continuazione della pubblicazione dei dati sensibili sul sito".

''Tra l'altro, nella modulistica di dichiarazione dei redditi non risulta prevista né un'informativa riguardo la pubblicazione di tali dati né una clausola specifica di autorizzazione alla pubblicazione che costituisce ulteriore violazione della legge stessa". Inoltre, aggiunge
Pileri, "la stessa normativa che ha permesso la pubblicazione è in evidente contrasto con la legge sulla privacy. E' un fatto molto grave, avvenuto tra l'altro in un periodo in cui il governo risulta vacante. Rimaniamo stupiti anche dal fatto che questo provvedimento non rientri in una strategia complessiva di lotta all'evasione ed elusione fiscale, né di salvaguardia delle agevolazioni fiscali di chi effettivamente ne ha diritto per basso reddito"

Non so voi, ma io sono senza parole..il nostro diventa sempre più il paese delle barzellette!

8 commenti:

mirko ha detto...

Se avessi ancora fiducia nella giustizia italiana... avrei gia dato mandato ad un avvocato per fare causa all' agenzia delle entrate per violazione della privacy ma dato che questa fiducia non alberga più in me lascerò stare,non tanto per i miei dati (ogni anno mi arriva la lettera che hanno controllato la mia dichiarazione e che è tutto a posto...Per forza sono un povero operaio che da metà del suo stipendio al fisco italiano)ma, perchè è giunta l' ora che chi sbaglia deve pagare.

Federica ha detto...

io faccio parte di quelli che son rimasti a bocca aperta!
Per qualsiasi cavolata mi fate firmare milioni di postille per autorizzare a trattare i miei dati, non mi pubblicate i voti su internet degli esami e li mettete solo in bacheca perchè c'è la privacy e io devo venire giù apposta... e poi sbandierate ai 4 venti i miei redditi!!
ma sarete poi dementi?

Teddymorsicchio ha detto...

Pure io sono rimasta sconvolta..ormai non fanno nemmeno più finta di rispettarci! Patty

mirko ha detto...

Proporrei di linciare in piazza il responsabile di tutto questo..
E una vergogna....

S E R E N A ha detto...

Anche io sono rimasta allibita da questo fatto...strano che nessuno abbia pensato ad un risarcimento per danni morali...io se lo proponessero aderirei...

Sergio ha detto...

MIRKO: innanzitutto il nome del responsabile è l'ex ministro Visco (ma sto cavolo di governo Prodi si sarò drogato in questi due anni)..per fare causa per violazione della privacy si potrebbe fare ma,visto che i dati son stati on line solo per poco tempo credo sia inutile..

FEDERICA: sei grande! Hai detto proprio cose sensate..eh, si..son proprio dementi!!!

TEDDYMORSICCHIO: purtroppo è vero..oramai ci prendono per i fondelli in ogni modo..che amarezza!

SERENA: io credo qualcuno ci abbia pensato e mi aspetto che prima o poi escano allo scoperto con la richiesta di risarcimento

mina ha detto...

Io invece sarei curiosa di vedere i redditi dei famosi, o dei politici, non certo dei poveri cristi come noi!...Ma abbiate pazienza, siete ancora convinti che ci sia la privacy! i potenti hanno la privacy...

Sergio ha detto...

MINA la privacy è solo sulla carta ma non nella realtà..basti pensare a tutte le telefonate che riceviamo a casa per proporci qualche cosa :(